Proseguono le attività del Progetto “SCOMMETTO SU DI ME” con iniziative atte a prevenire e contrastare le dipendenze dalla ludopatia. Coinvolti in Sicilia i territori di9 province e 15 comuni. Lunedì 9 ottobre, dalle ore 16 alle ore 19, incontro online

Proseguono le attività del progetto “SCOMMETTO SU DI ME”, che prevede varie iniziative, come incontri formativi, ‘sportelli amici’, laboratori esperienziali, attività di cineforum. Avviato in Sicilia su iniziativa dell’associazione di volontariato “La Città Felice” onlus di Mineo e finalizzato alla prevenzione e al contrasto delle dipendenze dalla ludopatia, il progetto è stato approvato e finanziato dal Ministero del Lavoro e dall’Assessorato della Famiglia e delle Politiche Sociali e del Lavoro della Regione Siciliana (Dipartimento regionale della Famiglia e delle Politiche Sociali).
L’appuntamento (online) per il proseguimento delle attività, già riprese lo scorso 25 settembre, a San Cono, si svolgerà lunedì 9 ottobre, dalle ore 16 alle ore 19.
Ancora una volta sarà la dottoressa Beatrice Petrosino (medico psichiatra e psicoterapeuta) a coordinare l’incontro in qualità di esperta. Essa avrà il compito di esporre il progetto sotto il profilo scientifico, illustrando e descrivendo nel contempo tutte le principali azioni e gli aspetti positivi.
Per informazioni e chiedere di poter partecipare al webinar di lunedì 9 ottobre, dalle ore 16 alle ore 19, si deve inviare una mail al seguente indirizzo : lacittafeliceonlus@gmail.com


Il progetto “SCOMMETTO SU DI ME” ha come obiettivo quello di sensibilizzare la comunità, al fine di contrastare la ludopatia e le dipendenze che da essa ne scaturiscono, attraverso la diffusione di informazioni su questa subdola patologia, che si insinua in modo devastante nella vita anche dei giovani e in quella delle famiglie. Ciò, ricercando il dialogo ed il confronto con il pubblico, si affronteranno i temi delle dipendenze, in particolare di quelle comportamentali e il disturbo da gioco d’azzardo. Questo progetto prevede anche il coinvolgimento di: docenti degli istituti di scuole medie e superiori, personale dei servizi sociali degli enti locali, assistenti sociali, personale degli enti del terzo settore e personale dei servizi sociosanitari. Inoltre, saranno predisposti 9 sportelli gratuiti denominati ”Sportello Amico”, presso le scuole, i locali comunali e presso le associazioni di volontariato aderenti. Gli sportelli sono volti all’ascolto individualizzato dell’utente ed alla consulenza per i genitori di adolescenti con l’obiettivo di aiutarli ad identificare i primi segnali di dipendenza, di promuovere ed indicare nuove attività di prevenzione e contrasto, sostenere le famiglie per rispondere al disagio derivante dalla presenza in casa di un congiunto con problemi di dipendenze patologiche.


Mineo, 07.10.2023 Comunicazione a cura del Centro Studi C.E.S.T.A. – Ufficio Stampa: Salvo Cona – salvo.cona@tiscali.it